Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
reception@medicalspabs.it

Related Posts

Title Image

Benessere nell’infanzia e nell’adolescenza

Progetto BIA

Il progetto si rivolge a  ragazze in età prepuberale e adolescenziale dai 10 ai 18 anni.

Ha come obiettivo l‘identificazione in fase precoce di possibili fattori di rischio o di patologie endocrine e ginecologiche in fase iniziale per poterne attuare un tempestivo e precoce trattamento ed evitarne l’evoluzione in patologia conclamata (disturbi del comportamento alimentare, disturbi dello sviluppo puberale, disturbi mestruali, screening delle malformazioni genitali).

 

Rinforzo dell’autostima stimolando conoscenze, attitudini e comportamenti che promuovano il benessere psicofisico nell’adolescente.

Il percorso si svolge attraverso una valutazione ambulatoriale multidisciplinare effettuata da professionisti con competenze specifiche dal punto di vista clinico-ginecologico, nutrizionale e psicologico con la supervisione del Dott. Antonio Paroli.

Responsabili del progetto

Medico Ginecologo
Psicologa Psicoterapeuta
Dietista Nutrizionista

Il Progetto Bia (Benessere nell’Infanzia e nell’Adolescenza) nasce come frutto di una decina di anni di esperienza maturata all’interno di un servizio per adolescenti sul territorio bresciano come Ginecologa Consultoriale, con obiettivi di prevenzione in una fascia d’età (infanzia-adolescenza o età evolutiva) caratterizzata da rapidi cambiamenti fisici, psichici ed emotivi in cui svolgono un ruolo determinante sia l’educazione ad un corretto stile di vita che la possibilità di rilevare situazioni patologiche in fase iniziale con ampi margini di cura.

Il Progetto prevede sia un ambito individuale (Ambulatorio BIA) che un ambito aperto al pubblico (Incontri a tema).

L’idea di strutturare un Ambulatorio Multidisciplinare (Ambulatorio BIA) in cui oltre ad una valutazione ginecologica fosse prevista anche una valutazione dietetico nutrizionale da parte di una Dietista Nutrizionista (Dr.ssa Antonella Spada) e psicologica da parte di una Psicologa Psicoterapeuta (Dr.ssa Federica Mietto) parte da alcuni presupposti:

in primo luogo è ormai assodato che l’educazione ad una corretta alimentazione è la base per impostare uno stile di vita teso ad uno stato di salute, in secondo luogo la possibilità di valutare le abitudini alimentari in adolescenza permette di rilevare i segni iniziali dei disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, etc…) prima che si verifichi la patologia in fase conclamata, inoltre in molte patologie su base ormonale (sindrome dell’ovaio policistico, ipotiroidismo, insulinoresistenza, etc…) la dieta intesa come corretta nutrizione oltre che l’attività fisica rappresentano vere e proprie terapie.

L’opportunità di inserire all’interno della valutazione dello stato di salute anche l’aspetto psicologico parte invece dal presupposto che è ormai noto che il benessere psicologico si ripercuota in modo significativo sul benessere fisico attraverso le relazioni che esistono tra il sistema nervoso e il sistema immunitario e ormonale;  l’Organizzazione Mondiale della Sanità del resto definisce la Salute come “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o di infermità”.

In concreto all’interno dell’Ambulatorio BIA sono previsti 3 momenti di valutazione della durata di circa 20 minuti ciascuno.

La prima valutazione viene svolta dalla Ginecologa: oltre ad una anamnesi medica generale, viene effettuata una raccolta di informazioni relative al ciclo mestruale e alle sue caratteristiche, all’eventuale uso di metodi contraccettivi, alla presenza di eventuali disturbi relativi all’apparato genito-urinario e viene svolta una visita che comprende la valutazione dello sviluppo puberale e l’esecuzione di una ecografia pelvica per valutare l’anatomia dell’apparato genitale interno (utero e ovaie). Sulla base dei rilievi vengono eventualmente richiesti alcuni accertamenti valutati poi in un incontro successivo.

La seconda valutazione viene svolta dalla Dietista-Nutrizionista: viene raccolta un’anamnesi alimentare per conoscere le abitudini alimentari e l’attività fisica della ragazza, vengono rilevate alcune misure antropometriche (peso, altezza, circonferenze), viene calcolato il BMI (Body Mass Index o Indice di Massa Corporea) e vengono compilate le tabelle di crescita. Da questi dati è possibile evidenziare sia i casi patologici che le situazioni che necessitano solo di correzione delle abitudini alimentari e di stile di vita suggerendo consigli generali al fine di seguire un’alimentazione equilibrata e svolgere il giusto livello di attività fisica.

La terza valutazione viene svolta dalla Psicologa Psicoterapeuta: durante il primo colloquio vengono poste le basi di fiducia e di collaborazione con l’obiettivo di permettere alla ragazza di raccontarsi in quelli che sono i propri desideri, bisogni, credenze e aspettative. Vengono inoltre indagati diverse aree e contesti di vita, così da poterne individuare punti di forza e debolezza. Sulla base di ciò vengono eventualmente pianificati altri colloqui per permettere la rielaborazione di eventuali disagi e vissuti negativi.

La restituzione si svolge dopo avere discusso il caso in equipe, con l’eventuale supervisione dello Specialista Endocrinologo (Dott. Antonio Paroli) qualora se ne ravveda l’opportunità, e solitamente avviene tramite lettera inviata via mail a meno di casi particolarmente impegnativi per cui si fissa un colloquio di restituzione.

 

Oltre all’Ambulatorio in cui viene svolta una valutazione individuale, il Progetto BIA prevede anche alcuni incontri informativi a tema (pubertà, contraccezione, alimentazione in adolescenza, etc…) a cui può partecipare chiunque ne sia interessato con una cadenza pressochè mensile, la cui programmazione viene comunicata attraverso il Sito di Medicalspa dove si svolgono sia l’Ambulatorio BIA che gli incontri a tema (www.medicalspabs.it), attraverso la Pagina Facebook del Progetto Bia (Progetto BIA – Benessere nell’infanzia e nell’adolescenza) e attraverso il portale di Bresciabimbi (www.bresciabimbi.it).